logo
Wedding planner | Milano | Angelica 339 6385784 | Fabio 338 8409529
mail
mail2

Nel momento in cui hai detto sì al tuo fidanzato sei diventata una SPOSA!
Quindi prima di tutto “CONGRATULAZIONI!”.
Sono certa che una volta ripresa dall'emozione, una vocina dentro di te ha cominciato a dire:"Per quel giorno devo essere al meglio!".

E cosa accomuna tutte le spose del mondo? L'ABITO!Bianco, colorato, lungo, corto, romantico, sexy, tutte dobbiamo indossarlo e saremo al centro dell'attenzione! Calma, fai un bel respiro e ascolta la mia storia, perchè ti calmerà, o ti agiterà ancora di più, ma in ogni caso ti farà sorridere, il che è già qualcosa! Io non ho mai avuto un buon rapporto con lo specchio, ma sono una persona razionale e ho affrontato la questione "abito da sposa" con piglio deciso. Da un po' con la mia dolce metà si parlava di nozze e lavorando in quell'ambito avevo già potuto guardarmi attorno: la mia preferita era una stilista inglese i cui abiti mi facevano brillare gli occhi. Così ho preso appuntamento. Delusione massima: di tutta la sconfinata produzione della stilista (parliamo di decine e decine di modelli) nel suo atelier milanese ce ne sono solo una ventina! E la commessa te ne fa provare solo 3! Sono uscita di lì a mani vuote e un po' demoralizzata.
Il passo successivo è stato provare una via completamente diversa: grande casa di abiti da sposa, vero colosso del settore. Qui niente musica nè lampadari di cristallo, ma computer e sfilata virtuale degli abiti, dei quali, indovina, puoi provarne solo 3. Se si è convincenti, e la commessa ha tempo, riesci anche a indossarne 4 o 5, e magari ne trovi uno che ti piace, magari cambiando solo...ah no, non è possibile fare modifiche!Se non quelle di lunghezza e larghezza. Ok, ancora niente abito e a quel punto sì che ero scoraggiata. All'inizio sapevo cosa volevo, ma dopo aver provato qualche abito, e in due posti molto diversi, il "mio" non era ancora saltato fuori! Sono arrivata a pensare di non riuscire a vedermi in bianco, che era un problema mio, ho anche pensato di lasciar perdere l'abito da sposa classico e prediligerne uno da sera. Alla fine grazie a un passaparola ho scovato un atelier dove finalmente ho trovato il vestito che avevo sempre sognato. Quel giorno non ricordo nemmeno gli altri modelli provati, una volta indossato il "mio" ho capito che l'odissea era finita. 
La morale di questa storia è che la scelta dell'abito da sposa è una bella impresa, anche per la donna più organizzata del mondo ed è solo l'inizio. Scelto il vestito vanno trovate le scarpe, altra questione che andrebbe vissuta con spensieratezza, se non fosse che tutti hanno qualcosa da consigliare senza aiutarti veramente!Poi trucco e parrucco, che per quanto semplici vanno valutati con accuratezza, e poi tanti altri dettagli "divertenti"...
Insomma, ce n'è di "lavoro" prima di arrivare al Grande Giorno! Per questo ci sono io! Per consigliarti il dove e il chi e, se lo vorrai, affiancarti nelle decisioni, perchè avere qualcuno al tuo fianco che abbia una visione d'insieme del tuo matrimonio e riesca, non appena ti vede con addosso l'abito, ad immaginarsi il tuo bouquet succede solo con una wedding planner!
Parola di sposa.